La pagina del Parroco

Chi desidera, nei giorni 2 e 4 gennaio (non il 3 come erroneamente riportato nel Filo Diretto), ricevere la visita del parroco per la visita del presepe con benedizione alla famiglia, si iscriva in sacrestia dopo una S. Messa.

25moDonPierino

Lutrano, 7 dicembre 1993
Conegliano - Lutrano 8/9 dicembre 2018

Grazie

Signore, voglio dirti grazie
di quello che ero prima.

Voglio dirti grazie
di quello che sono diventato dopo,
sul tramonto del 7 dicembre 1993.

Signore, sono fatto di te,
di mamma e papà,
delle persone che ho incontrato,
dei maestri che mi hai donato,
dei preti e vescovi
che hai messo sulla mia strada.

Sono fatto dei libri che ho amato,
dei luoghi in cui sono vissuto:
di Fontanellette e Ponte di Piave
di Fontanelle e Lutrano,
di Oderzo, Vittorio Veneto e Conegliano,
di Sacile, Fratta e Camino
ed oggi, ancora, di Conegliano.

Sono fatto ...
Sono sempre da fare; da rifare...

Da piccolo ti pregavo:
lntroibo ad altare Dei,
ad Deum qui laetificat iuventutem meam

Ora, con Pietro, ti rispondo:
«Signore, tu conosci tutto».
Conosci le mie infedeltà e le mie paure,
i miei slanci e le mie Hessioni,
le mie salite e le mie discese...
«Signore tu conosci tutto;
tu sai che ti voglio bene».

Sul tronco che invecchia e dissecca
fa spuntare ancora il tuo germoglio.

«Tremano», «sono slogate le mie ossa»,
ma tu «fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa spezzate».

Grazie, Signore!
Grazie, fratello, sorella, che mi vuoi bene
e cui anch' io voglio bene!

 

AnnoCatechisticoCarissimi genitori,

è importante che i nostri figli non siano lasciati soli nel loro cammino di formazione alla fede. Per questo, oltre alle tante occasioni che la Parrocchia offre, vi proponiamo alcuni momenti specifici di incontro. Non saranno molti, proprio perché non vogliamo stancare nessuno, sapendo quant'è impegnativa la vita d'una famiglia. Abbiamo solo il desiderio di condividere e di aiutare, consapevoli che è anche tanto bello ritrovarsi insieme per fare comunione, comunità.

Le date degli incontri vi saranno comunicate per tempo di volta in volta. Intanto cominciamo così... Noi vi aspettiamo con gioia.

  • Da domenica 24 settembre sono disponibili in fondo alla chiesa, o in sacrestia, oppure presso le catechiste, i moduli per l'iscrizione al catechismo.

Primi incontri con i genitori

Sempre nel salone parrocchiale, alle 20.30

Lunedì 2 ottobre 1 a , 2 a , 3 a , 4 a e 5 a elementare
Mercoledì 4 " 1 a , 2 a e 3 a media
Lunedì 9 " Cresimandi

 

 Gli incontri si svolgeranno in due tempi: mezz'ora con il parroco e mezz'ora con le catechiste. 

Domenica 15 ottobre 10.30 Santa messa di apertura dell'anno catechistico.
Domenica 13 maggio 10.30 Santa messa di chiusura dell'anno catechistico.
Mercoledì 30  " 20.00 Processione con la Madonna e festa parrocchiale.

 

Sacramenti

Domenica 11 marzo 2018 1 a Confessione (h. 15.30)
Sabato 17  "  " S. Cresima (h. 18.00)
Domenica 15 aprile  " 1 a Comunione (h. 10.30)

Carissimi genitori,

mi ha fatto piacere in questi giorni che diverse mamme siano venute o abbiano telefonato per sapere quando comincia il catechismo. Credo abbiano capito quanto sia importante il  catechismo!

Ai ragazzi dico che non posso innamorarmi di una persona se non la conosco. Così è per Gesù. Non posso innamorarmi, amarlo, se non lo conosco. E il catechismo serve proprio a questo.

1. Torniamo a pregare!

(Udienza generale - 26 agosto 2015)

Lo spirito della preghiera riconsegna il tempo a Dio, esce dalla ossessione di una vita alla quale manca sempre il tempo, ritrova la pace delle cose necessarie, e scopre la gioia di doni inaspettati. [...] La preghiera sgorga dall'ascolto di Gesù, dalla lettura del Vangelo. Non dimenticatevi, tutti i giorni di leggere un passo del Vangelo. La preghiera sgorga dalla confidenza con la Parola di Dio. C'è questa confidenza nella nostra famiglia? Abbiamo in casa il Vangelo? Lo apriamo qualche volta per leggerlo assieme? Lo meditiamo recitando il Rosario? Il Vangelo letto e meditato in famiglia è come un pane buono che nutre il cuore di tutti. E alla mattina e alla sera, e quando ci mettiamo a tavola, impariamo a dire assieme una preghiera, con molta semplicità: è Gesù che viene tra noi. [...] Ma tu mamma, papà, insegna al bambino a pregare, a fare il segno della croce: questo è un compito bello delle mamme e dei papà!

Nella preghiera della famiglia, nei suoi momenti forti e nei suoi passaggi difficili, siamo affidati gli uni agli altri, perché ognuno di noi in famiglia sia custodito dall'amore di Dio.

2. Torniamo ad educare!

(Udienza generale - 20 maggio 2015)

Ma, soprattutto, la domanda: come educare? [...]

Intellettuali "critici" di ogni genere hanno zittito i genitori in mille modi, per difendere le giovani generazioni dai danni [...] dell'educazione familiare. La famiglia è stata accusata, tra l'altro, di autoritarismo, di favoritismo, di conformismo, di repressione affettiva che genera conflitti.

Di fatto, si è aperta una frattura tra famiglia e società, tra famiglia e scuola, il patto educativo oggi si è rotto; e così, l'alleanza educativa della società con la famiglia è entrata in crisi perché è stata minata la fiducia reciproca. [...]

[...] Cerchiamo di capire "dove" i figli veramente sono nel loro cammino? Dov'è realmente la loro anima, lo sappiamo? E soprattutto: [...] siamo convinti che essi, in realtà, non aspettano altro?

Le comunità cristiane sono chiamate ad offrire sostegno alla missione educativa delle famiglie, e lo fanno anzitutto con la luce della Parola di Dio. [...]

[...] È ora che i padri e le madri ritornino dal loro esilio [...] e riassumano pienamente il loro ruolo educativo. Speriamo che il Signore dia ai genitori questa grazia: di non autoesiliarsi nell'educazione dei figli. E questo soltanto lo può fare l'amore, la tenerezza e la pazienza.

3. Restituiamo importanza alla famiglia!

(Udienza generale - 2 settembre 2015)

Se ridaremo protagonismo [...] alla famiglia che ascolta la parola di Dio e la mette
in pratica, diventeremo come il vino buono delle nozze di Cana [...]!

In effetti, l'alleanza della famiglia con Dio è chiamata oggi a contrastare la desertificazione comunitaria della città moderna. Ma le nostre città sono diventate desertificate per mancanza d'amore, per mancanza di sorriso. Tanti divertimenti, tante cose per perdere tempo, per far ridere, ma l'amore manca. Il sorriso di una famiglia è capace di vincere questa desertificazione delle nostre città. E questa è la vittoria dell'amore della famiglia. Nessuna ingegneria economica e politica è in grado di sostituire questo apporto delle famiglie. Il progetto di Babele edifica grattacieli senza vita. Lo Spirito di Dio, invece, fa fiorire i deserti (cfr Is 32, 15). [...]